Tutti i post con il tag: retail

Perché l’acquisto d’impulso è oro per i retailers

A chi non è mai capitato? Un acquisto non programmato fatto d’impulso passando davanti ad una vetrina, che ha catturato la nostra attenzione tanto da spingerci ad entrare ed uscire con qualcosa che non pensavamo nemmeno di volere. Oppure una cosa comprata mentre il nostro intento era di comprarne un’altra, un’aggiunta dell’ultimo minuto alla quale per qualche strana ragione non siamo riusciti ad evitare. In realtà, questo fenomeno è quasi sempre frutto di un’attenta e ben studiata strategia di marketing. E’ dal 1950 infatti che i commercianti dei negozi piazzano determinati tipi di prodotti vicino alle casse dei negozi, piccoli, poco cari e di solito di uso giornaliero (avete presente le calze di H&M?). Con gli eCommerce che continuano la loro marcia alla conquista del mondo, molti retailers tradizionali cominciano a chiedersi se questo tipo di acquisti cominceranno a diminuire, ma possono stare tranquilli: non è così. Soprattutto perché i negozi fisici hanno ancora un vantaggio rispetto a quelli online quando si tratta di controllare l’esperienza di shopping. Abbiamo parlato di recente del fenomeno F.O.M.O. (Fear …

Retail: la strategia omnichannel è la strada de seguire

Se non sapete di cosa stiamo parlando, state tranquilli: non lo sa quasi nessuno. Volendo cercare sul web la definizione di “Retail Omnichannel” se ne trovano parecchie. Google lo definisce come un modo per assicurasi che le strategie di marketing di un brand permettano al consumatore di trovarlo su ogni canale. Per Hubspot invece si tratta della capacità di regalare una user experience attraverso più canali, considerando i vari device con cui i consumatori interagiscono con un dato brand. In pratica si tratta di estendere la propria strategia di marketing, i propri canali di vendita e le proprie risorse attraverso più canali digitali e non. Online e offline. Premesso che questo tipo di strategia non è sempre accessibile a tutti (una startup o un eCommerce agli inizi probabilmente non hanno le risorse per fare tutto e subito), c’è da dire che se la si vuole adottare, bisogna farlo bene per non cadere nell’approssimazione. Tra il 2010 e il 2015 in Italia abbiamo visto un incremento medio delle vendite online del 15%,  salito al 18% nel 2016 …

Perchè i Brand Ambassador sono più efficaci di qualunque pubblicità

Di sicuro questo termine vi suona familiare, o magari vi calza anche a pennello perché sareste perfetti per questo ruolo, oppure lo siete già. Con una storia che ci riporta indietro addirittura al 1870, quando alcuni grandi aziende dell’epoca cominciavano a distribuire quelli che oggi chiamiamo “prodotti brandizzati”, i Brand Ambassador possono essere definiti la naturale evoluzione di quel processo commerciale che ha visto nascere il brand management per mano di compagnie come Procter & Gamble, General Foods o Unilever dopo la Grande Depressione del ’29. Se state pensando a nomi come Kim Kardashian o Justin Bieber avete ragione, anche loro sono (o sono stati) ambasciatori di grossi brand, ma qui vogliamo parlare di un altro tipo di brand ambassador, uno meno famoso ma a volte anche più efficace. Le persone, i consumatori, si fidano di altri consumatori. Pensate a TripAdvisor: ormai non si entra quasi più in un ristorante che non si conosce senza aver prima dato un’occhiata alle recensioni di chi ci è già stato. Lo stesso vale (anche se in minor misura) …

F.O.M.O. (Fear of Missing Out): solo ansia social o anche opportunità?

No, non è il nome di un nuovo rapper o dell’eyeliner che rivoluzionerà il vostro trucco. Per F.O.M.O. s’intende l’ansia sociale che deriva dall’avanzamento della tecnologia e dal conseguente livello di scelta che porta con sé. In pratica si tratta della paura di perdere un’opportunità d’incontro sociale, un’esperienza nuova, o un evento che ci avrebbe soddisfatto se l’avessimo vissuto. Lo psicologo inglese Andrew Przybylski ha condotto uno studio che ha scoperto come più persone non si sentono autonome, competenti e connesse a qualcosa, più sentono la F.O.M.O. che sta per “Fear of Missing Out“. Gli individui maggiormente legati a questo fenomeno sono anche quelli che utilizzano molto i social network, che comparano il loro status con quello degli altri e che si preoccupano di divertirsi almeno tanto quanto sembra che si divertano gli altri. E se pensate che questo fenomeno sia collegato in particolar modo ai giovani avete ragione, ma è anche vero che ultimamente si sta espandendo a persone di età anche più avanzata. Come riconoscerlo? La F.O.M.O. si può manifestare in molti modi. Qualcuno, …

5 tendenze “in incognito” nel mondo del retail

A chi non piace fare qualche predizione? “Scommettiamo che…” è una frase che ci piace dire per gioco, ad una festa, quando ci troviamo fra amici… ma la verità è che ad indovinare il futuro ci provano tutti, e quando si tratta di prevedere cosa accadrà nel mondo del business, il gioco si fa interessante. All’inizio dell’anno vi abbiamo parlato di sei tendenze del mondo del retail che vedremo consolidarsi nel corso del 2017, e adesso ne abbiamo altre cinque da proporvi che forse non vi aspettereste, suggerite dai maggiori esperti nel mondo del retail business. Avanti gli Uomini Potrebbe sembrare strano, ma gli uomini stanno già spendendo il 13% in più rispetto alle donne, facendo prevedere che il mercato dell’abbigliamento maschile crescerà di un ulteriore 8,3% nel prossimo anno (secondo un rapporto Ogilvy del 2016). Ebbene signore, è tutto vero: gli uomini spendono 1,5 volte più di noi! Questo significa che presto vedremo i retailer concentrarsi in particolar modo sul menswear, ripianificando le loro strategie di marketing per non farsi scappare questa opportunità. Personalmente …

I nostri migliori (e ancora liberi) spazi per il Salone del Mobile

Ormai manca poco: Il Salone del Mobile di Milano 2017 aprirà le porte dal 4 al 9 Aprile per circa 2.000 espositori che andranno a occupare un’area espositiva superiore ai 200.000 metri quadrati. Insieme alle migliaia di prodotti che verrano esposti in anteprima, il Salone del Mobile si conferma così come palcoscenico internazionale della creatività e forum degli addetti ai lavori. Non a caso infatti sono attesi oltre 300.000 visitatori da più di 165 Paesi. Per noi di What a Space il Salone rappresenta l’appuntamento più importante dell’anno: ci impegniamo al massimo per far conoscere gli spazi migliori della città ai designer, artisti e imprenditori che vogliono farsi conoscere o consolidare la loro presenza sulla scena. La competizione è sempre alle stelle, ma se siete alla ricerca del posto perfetto per la settimana del Salone e non l’avete ancora trovata, ecco una lista dei nostri migliori spazi ancora disponibili. BRERA Location Solferino Uno spazio polifunzionale di 440 mq open space a cui è possibile abbinare il contiguo giardino d’inverno di 200 mq. Ubicata nel prestigioso quartiere Brera Design …

Il retail è pronto per la Realtà Aumentata

Qualcuno di voi starà pensando “Non è possibile”, mentre altri avranno esclamato “Era ora!”. In questi e anche in altri casi, le cose stanno così: il retail non accenna a rallentare la sua corsa per l’innovazione, inseguendo sia le tendenze che il futuro, ed arrivando persino ad includere ciò che fino a poco tempo fa era dominio dei soli film di fantascienza: le cosiddette AR e VR, ovvero Augmented Reality e Virtual Reality. La prima si definisce tecnicamente come “l’arricchimento della percezione sensoriale umana mediante informazioni, in genere manipolate e convogliate elettronicamente, che non sarebbero percepibili con i cinque sensi” mentre la seconda implica una realtà simulata attraverso tecnologie dedicate, diversa da quella che percepiamo tutti giorni. Ma cosa c’entra tutto questo con il retail? Queste due tecnologie danno ai retailers l’opportunità di trasformare letteralmente il modo in cui le persone fanno shopping. Come? Immaginate di poter provare una maglietta senza dover andare fisicamente in negozio, o di comprare un mobile senza pensarci due volte perchè avete potuto testarlo virtualmente a casa vostra. Perchè? I maggiori vantaggi …

Space Owner: come creare un annuncio avvincente

Caro Space Owner, noi di What a Space siamo davvero felici di averti fra noi, e ci teniamo particolarmente che il tuo annuncio sia un’accattivante biglietto da visita per te ed il tuo spazio. A questo proposito, abbiamo creato una lista ready-to-go di consigli per te, da seguire per creare un annuncio con i controfiocchi. Con affetto, Il Team di What a Space *** 1. Le foto La nostra (come quasi tutte le realtà digitali) è una piattaforma interattiva, quindi cerca sempre di renderti riconoscibile: al momento della creazione dell’account pubblica una foto del profilo che ritragga te stesso! In questo modo chi guarderà il tuo spazio sarà più propenso a fidarsi di te e quindi preferirà il tuo annuncio ad un altro simile… un sorriso sincero fa più strada di qualunque logo! Sono importanti anche le foto dello spazio che stai mappando. Ti è mai capitato di cercare online un appartamento e di non esserti interessato ad uno perché l’annuncio non era accompagnato da foto? La pagina social dei tuoi brand preferiti contengono immagini, giusto? Ebbene tu non sei da meno. Per questo …

6 tendenze per il Retail nel 2017

Buon Anno! Secondo il Total Retail Survey della PWC, nel 2016 il 32% degli intervistati (23.000 consumatori il 25 paesi) ha detto di ritenere importante la possibilità di poter controllare gli articoli anche online mentre si trovano dentro uno store. Il 91% inoltre ha detto di far parte di un programma di fedeltà, mentre l’esperienza in store – insieme al prezzo – rimane il maggior influencer del processo d’acquisto. E’ facile quindi capire come il mondo del retail si presti a crescere sempre di più come un processo che va oltre il semplice shopping, ma un misto di innovazione, tecnologia e customer care stellare. Ma scopriamo cosa c’è sull’agenda del mondo del retail per quest’anno appena iniziato. Offrire esperienze Fino a qualche anno fa non era strano sentir dire il giro che la morte dei negozi fisici era vicina. Il 2016 ha provato che non è affatto così, dato che molti grandi brand come Amazon o Google hanno incrementato i loro investimenti nel retail. Il motivo per cui i negozi sopravvivono è molto semplice: il contatto umano. …

What a Space tra le Innovation Highlights del Mapic 2016: si vola a Cannes!

What a Space! è tra le “Innovation Highlights” del Mapic 2016: la notizia è arrivata pochi giorni fa e ora non vediamo l’ora di volare a Cannes tra il 16 e il 18 novembre, dritti al Palais des Festivals, per partecipare all’evento di punta del mercato internazionale del retail. Il Mapic ci ha definito una delle innovazioni dell’evento, insieme a pochissime altre realtà che investono nelle nuove tecnologie. Avremo la possibilità di farci conoscere da altri specialisti del settore immobiliare e di parlare di noi in una delle conferenze tenute da esperti. Racconteremo quello che facciamo in Italia e in Europa, discuteremo della crisi del retail e delle soluzioni innovative possibili, del retail online e offline- dall’e-commerce al mondo reale– oltre che dei Temporary shop e dello shop sharing. Apriremo una delle giornate delle conferenze nello Speciality Leasing Lounge, a partire dalle ore 9 circa del 16 novembre. Porteremo con noi a Mapic anche alcune delle aziende della nostra rete, alcune delle quali occupano gli spazi della nostra piattaforma: 400, che produce occhiali da sole, Dress you can, …